Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 16:30 a 18:00

Il Riordino delle Autonomie: dal dire al fare [ lb.28 ]

La Pubblica Amministrazione (tutta, nelle sue declinazioni centrale, regionale e locale) è chiamata ad adeguarsi al profondo cambiamento del contesto socio-economico e alla necessità di riorganizzarsi per evitare una crisi istituzionale, funzionale, organizzativa e  finanziaria che avrebbe conseguenze devastanti per le Amministrazioni stesse e, in cascata, per i Sistemi Territoriali e per il Paese.

Si tratta di un processo non semplice, complicato dalla  sfida lunga e logorante per sopravvivere alla crisi (e al rigore necessitato), che con Europa 2020 e con la Strategia Place Based  si concretizza nel modello di Sviluppo dal basso come paradigma per rilanciare la Crescita dei Sistemi Territoriali e con essi del Paese.

Questa sfida coglie impreparate le Amministrazioni locali, in difficoltà per le evidenti criticità e carenze sul piano culturale, organizzativo, delle competenze e delle risorse.

Forum PA intende stimolare il Governo, le Amministrazioni Centrali, le Regioni e i Sistemi Territoriali con la proposta di un Piano di interventi per supportare il processo di Riordino, richiamando l’attenzione sull’effetto leva che è in grado di generare sulle Politiche di Sviluppo locale.

Allo scopo Forum PA ha organizzato un Programma innovativo rivolto alle Regioni e alle Autonomie locali, denominato Accademia della Conoscenza per il Riordino delle Autonomie locali e lo Sviluppo delle Economie Territoriali

L’Accademia si propone, attraverso la creazione di Laboratori e Cantieri, di:

  • Intercettare le esigenze di innovazione della Pubblica Amministrazione chiamata ad essere più “imprenditoriale” (e Smart)
  • Stimolare, accompagnare e supportare il confronto e le collaborazioni fra la Pubblica Amministrazione locale e il mondo dell’offerta di ICT per promuovere la diffusione di servizi, soluzioni e progetti innovativi per il Riordino e lo Sviluppo
  • Contribuire attivamente al processo di digitalizzazione e ammodernamento dei Sistemi Territoriali con una strategia di progettazione e promozione di servizi basati sulla gestione della Conoscenza per supportare i processi di Riordino territoriale, Crescita economica e Sviluppo equo e sostenibile

L’evento è a porte chiuse e a invito: l’obiettivo è presentare e discutere con un gruppo ristretto di Amministrazioni regionali e locali la proposta della filiera di iniziative che Forum PA sta promuovendo assieme ad un panel di partner qualificati con il Programma “Accademia della Conoscenza per il Riordino delle Autonomie e lo Sviluppo delle Economie Territoriali”.

Per proporre la propria partecipazione  scrivere a segreteriaconvegni@forumpa.it specificando nome, funzione ed amministrazione di appartenenza.

Programma dei lavori

Chairperson

Mochi Sismondi
Intervento di Carlo Mochi Sismondi all'evento "Il Riordino delle Autonomie: dal dire al fare"
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia Vedi atti

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (21 e 39 anni), sono nonno. All’Università ho scelto Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento in pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out. Ho fatto per dieci anni l'operaio (falegname) e poi mi sono occupato di marketing, di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 30^ edizione. Nella mia ormai trentennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 19 Governi e con 17 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni. Nei miei contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

Intervento di apertura

Il ruolo del Riordino delle Autonomie locali per il rilancio della competitività del Paese

Protagonisti a confronto

La parola alle Regioni: Il processo di attuazione e governance del Riordino da parte delle Regioni

Manca
Intervento di Antonella Manca
Antonella Manca Direttore centrale Funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento delle riforme - Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Vedi atti

Atti di questo intervento

03_lb_28_manca.mp3

Chiudi

Castellani
Intervento di Laura Castellani
Laura Castellani Responsabile - Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo dell'amministrazione elettronica - Regione Toscana Biografia Vedi atti

Nata nel 1967, ha conseguito nel 1992 la Laurea in Ingegneria Elettronica presso l’Università di Firenze; dal 2004 dirige in Regione Toscana il Settore Infrastrutture e Tecnologie per lo sviluppo della Società dell’Informazione, oggi anche Ufficio per la transizione al Digitale.

E’ responsabile del Data Center regionale TIX, sviluppato in ottica cloud, per il quale ha gestito la progettazione, realizzazione e diffusione sul territorio dei servizi erogati. Cura la progettazione, il coordinamento e il controllo della diffusione in Toscana delle infrastrutture in banda larga e ultra larga per la PA, i cittadini e le imprese.

Ha in carico le politiche relative all’Agenda Digitale Italiana ed Europea, volte allo sviluppo dell’ICT sul territorio regionale. Cura i rapporti con le PP.AA. centrali, gestisce gli adempimenti connessi all’attuazione delle azioni definite in ambito nazionale, nel recepimento delle linee guida comunitarie, in materia di potenziamento delle ICT con particolare riferimento all’Agenda Digitale Europea. E’ responsabile della gestione dei fondi europei in ambito di Agenda Digitale. E’ responsabile della Programmazione Regionale e del Coordinamento della Programmazione Locale nelle materie di competenza. E’ vicecoordinatore del CPSI in seno al CISIS per i temi ICT e rappresentante per tutte le Regioni sui temi legati alla cittadinanza digitale, per i quali cura i rapporti con tutti gli organismi nazionali. E’ coinvolta in vari progetti Europei in rappresentanza della Regione Toscana, in qualità di capofila, partner o stakeholder.

 

Chiudi

Atti di questo intervento

05_lb_28_castellani.mp3

Chiudi

Chiama
Intervento di Carlo Chiama
Carlo Chiama Gabinetto Assessore al Lavoro - Regione Piemonte Vedi atti

Atti di questo intervento

07_lb_28_chiama.mp3

Chiudi

Le testimonianze delle buone pratiche di Unioni di Comuni: Esperienze territoriali di attuazione delle Unioni e delle associazioni di funzioni

Gamberini
Intervento di Elena Gamberini
Elena Gamberini Direttore Generale - Unione dei Comuni Bassa Reggiana (RE) Biografia Vedi atti

Elena è il Direttore Generale Unione dei Comuni Bassa Reggiana dal 2007, quando ancora era Associazione Intercomunale, con compiti di: programmazione delle politiche pubbliche di area vasta; programmazione, gestione ed organizzazione delle funzioni e dei servizi associati; programmazione e governo tecnico dell’ente strumentale dell’Unione Azienda Speciale Servizi Educativi Bassa Reggiana; sviluppo organizzativo, relazioni sindacali e gestione del personale in Unione; relazioni istituzionali e comunicazione; supporto agli organi dell’Unione (Giunta, Consiglio, Presidente). Dal maggio 2012 Elena svolge ad interim la funzione di Responsabile del Servizio Associato Sociale Integrato Zonale. Dal 2012 Elena è componente dell’Agenzia Socio-Sanitaria della Regione Emilia Romagna per l’Area Innovazione Sociale, nell’ambito della quale ha svolto una ricerca avente ad oggetto i modelli di welfare nelle Unioni di Comuni in Emilia Romagna.

Ha conseguito: la Laurea in Scienze Politiche presso Università degli Studi di Bologna nel 1997; un master in Gestione delle Relazioni Istituzionali, nel 2005; un corso di Alta Formazione in Pianificazione e controllo strategico per gli enti locali della Facoltà di Economia, polo Forlì, nel 2008. Dal 1998 al 2006 si è occupata di ricerca, formazione e consulenza per gli enti locali, sistema politico e della rappresentanza per enti ragionali, locali, scuole di formazione, DFP, Formez, Associazioni di categoria delle imprese. Ha seguito come consulente per il Dipartimento di Funzione Pubblica il progetto Cantieri (2002-2006) e progetti di innovazione per la PA. Ha pubblicato sul tema delle Unioni di Comuni. Oggi ha una passione professionale su tutte: pianificazione e controllo delle gestioni associate e strategie di cooperazione inter-comunale.

Chiudi

Frieri
Intervento di Francesco Raphael Frieri
Francesco Raphael Frieri Direttore Generale, Risorse, Europa, Innovazione, Istituzioni - Regione Emilia Romagna Biografia Vedi atti

In qualità di Direttore Generale alle Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni della Regione Emilia-Romagna dal marzo del 2016, è responsabile della gestione delle risorse umane e finanziarie, della logistica, del patrimonio, degli approvvigionamenti, dell’organizzazione, del coordinamento delle politiche europee, della valutazione delle stesse, della cooperazione territoriale negoziata ed internazionale, dello sviluppo dell’ ICT, della statistica, della comunicazione interna e dell’attuazione delle politiche di riordino istituzionale per la Regione.

Precedentemente è stato Direttore Generale dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna (Ravenna) una delle realtà associative più grande e più strutturata d’Italia e che ha raggiunto importanti risultati in termini di integrazione e coesione intercomunale, trasferendo buona parte delle funzioni svolte originariamente dai nove Comuni, sviluppando, nel contempo, un profondo processo di change management.

Maggiori dettagli su www.frieri.info

Chiudi

Atti di questo intervento

11_lb_28_frieri.mp3

Chiudi

Gallo
Intervento di Luciano Gallo
Luciano Gallo Direttore Generale Federazione dei Comuni del Camposampierese Biografia Vedi atti

LUCIANO GALLO è il direttore generale della Federazione dei Comuni del Camposampierese dal 2001.

Luciano, laureato in Scienze Politiche, nel suo percorso professionale ricopre diversi incarichi a livello dirigenziale grazie alle competenze sviluppate nei campi della contabilità degli enti locali e nel controllo di gestione, nei tributi locali, nello sviluppo organizzativo, nelle unioni di comuni e forme associate degli enti locali, soprattutto inerente alla Governance, la regolazione delle politiche dello sviluppo con particolare specializzazione sulle Intese Programmatiche d’Area.

Nella Pubblica Amministrazione ha maturato le seguenti esperienze: componente del Nucleo di Valutazione per i comuni della Federazione del Camposampierese; del Direttivo nazionale ANDIGEL (Associazione Nazionale Direttori Generali Enti Locali); del Centro di Competenza Regionale per il riordino territoriale e l’accompagnamento delle forme associate dei comuni.

Altri incarichi prevedono la partecipazione al comitato scientifico di GreeNordEsT - iniziativa di Energheia, ed.Logika.. E’ tuttora consulente esterno dell’ associazione M.A.S.Ter (Mediatori e Animatori per lo Sviluppo del Territorio);  presso il CIRN - centro interdipartimentale di ricerca sul Nord-Est - “Giorgio Lago” dell’Università degli Studi di Padova; per la quale è attivo anche nel  Comitato Ordinatore Master di I livello in Governo delle Reti di Sviluppo Locale Inoltre fa parte dell’Advisory board del Master di II° livello in Pubblica Amministrazione dell’Università Ca’ Foscari Venezia; e dal 2008 ricopre il ruolo di  direttore del mensile istituzionale “Il Camposampierese”.

Dal 2010 si è intensificata la sua attività di formatore presso associazioni di categoria , enti locali, università , ipa delle diverse aree del Veneto Centrale, Forum PA soprattutto nel campo della sostenibilità e dello sviluppo territoriale, di recente incorniciati nell’agenda Camp 2020, che mira a definire gli obiettivi di crescita con il sostegno della Comunità Europea.

Ha scritto  numerosi articoli  relativi all’associazionismo comunale e alla governante territoriale.

 

Chiudi

Atti di questo intervento

13_lb_28_gallo.mp3

Chiudi

Staniscia
Intervento di Massimo Staniscia
Massimo Staniscia Consulente - Sangro Aventino Vedi atti

Atti di questo intervento

15_lb_28_staniscia.mp3

Chiudi

Il punto di vista degli operatori tecnici e scientifici coinvolti nel processo

Marini
I processi organizzativi
Alessio Marini Amministratore Delegato - ANCI Innovazione Vedi atti

Atti di questo intervento

17_lb_28_marini.mp3

Chiudi

Zanella
Le soluzioni e i servizi
Luigi Zanella Direttore Consulting e Business Development Divisione PA - Dedagroup ICT Network Biografia Vedi atti

Laureato in Scienze Statistiche ed Economiche presso l’Università di Bologna, Luigi Zanella ha iniziato ad occuparsi di sistemi informativi geografici nel 1989. Vanta oltre 20 anni di esperienza sui principali temi legati alla gestione del territorio nell’ambito della Pubblica Amministrazione Locale e delle aziende multiutilities. È Business Innovation & Development Manager di Dedagroup Public Services, l’azienda del gruppo Dedagroup che affianca Enti centrali e locali e aziende di pubblica utilità nella digitalizzazione dei loro servizi.

Chiudi

Atti di questo intervento

19_lb_28_zanella.mp3

Chiudi

Gortan
Le competenze
Daniele Gortan Direttore di FORSER – ANCI Friuli Venezia Giulia Biografia Vedi atti

Daniele Gortan è direttore di ForSer, associazione di ANCI Friuli Venezia Giulia per la formazione e i servizi per la pubblica amministrazione.

Il nostro compito è quello di accompagnare le Pubbliche Amministrazioni locali del Friuli Venezia Giulia nei processi di valorizzazione delle persone, miglioramento organizzativo, sviluppo e internazionalizzazione attraverso la valorizzazione e messa in rete delle migliori esperienze e competenze del territorio.

Dopo aver accompagnato dal 2007 al 2010 i Comuni della regione nella costituzione delle forme associative, da aprile del 2014 gestiamo per conto di ANCI FVG il progetto nextPA – cambiamenti in corso, la cui finalità è quella di promuovere e sostenere, attraverso un piano formativo mirato, la crescita delle competenze e professionalità interne agli Enti per consentire loro di affrontare i cambiamenti e le riforme in atto.

A fianco dei piani formativi e di accompagnamento, sviluppiamo progetti europei per l’innovazione della formazione nella PA e per l’innovazione organizzativa nella PA.

Prima dell’esperienza in ForSer, Daniele è stato direttore di un Gruppo di Azione Locale (Iniziativa Comunitaria LeaderII) e responsabile del Centro di animazione economica di Agemont (Agenzia per lo sviluppo economico della montagna del Friuli Venezia Giulia).

Al convegno porta l’esperienza di nextPA sullo sviluppo delle competenze per sostenere il processo di riordino e sviluppo del sistema delle Autonomie Locali nella Regione Friuli Venezia Giulia

Chiudi

Atti di questo intervento

21_lb_28_gortan.mp3

Chiudi

Sculco
La liberazione dei dati per il territorio
Luigi Sculco Dirigente Area Datawarehousing e Business Intelligence - INPS Biografia Vedi atti

Dirigente informatico dell’INPS (Istituto Nazionale Previdenza Sociale)  presso la Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici, in qualità di responsabile dell’Area “Data Warehouse, Business Intelligence ed Internal Audit” del predetto ente. Tra i suoi compiti rientrano anche quelli del governo del Sistema Informatico per il Controllo di Gestione, nonché quelli di fornitura/incrocio dati per usi interni ed esterni all’ente.

Chiudi

Atti di questo intervento

23_lb_28_sculco.mp3

Chiudi

Messina
Le ricadute per lo Sviluppo delle Economie Territoriali
Patrizia Messina Direttore Master “Governo delle reti di sviluppo locale” - Dipartimento di Scienze politiche, Giuridiche e Studi internazionali - Università di Padova Biografia Vedi atti

È Professore Associato di Scienza Politica all'Università degli Studi di Padova – Dipartimento SPGI, dove insegna Governo locale e Management delle reti di governance. È direttore del Master in Governance delle reti di sviluppo locale e direttore del Centro Studi Regionali “Giorgio Lago” (CiSR).

È docente, promotore dello Spin Off dell'Università di Padova SHERPA SRL.

È esperta di analisi dei modi di regolazione dello sviluppo locale, con particolare riferimento ai sistemi locali di PMI, ai processi di governance di sviluppo locale, multilivello e multi-attore, con particolare riferimento al contesto europeo e alla produzione di beni collettivi per lo sviluppo del territorio come rete di servizi. Si distingue per un approccio ecologico all'analisi delle politiche per lo sviluppo locale, nel contesto dei processi di globalizzazione e localizzazione, e per l’analisi di impatto sui modi di regolazione regionali. Studia in particolare le forme di governance partecipata dello sviluppo del territorio, la pianificazione strategica del territorio, le reti intercomunali come strategia di sviluppo, il governo di area vasta, le city region e la governance delle reti policentriche di città, privilegiando la comparazione per contesti.

Chiudi

Atti di questo intervento

25_lb_28_messina.mp3

Chiudi

Lemmi
Intervento di Enrica Lemmi
Enrica Lemmi Direttore Centro Ricerca - Fondazione Campus Vedi atti

Atti di questo intervento

27_lb_28_lemmi.mp3

Chiudi

Programmi e servizi di supporto e accompagnamento del processo di Riordino: La strategia di interventi promossa da Forum PA

L'Accademia della Conoscenza per il Riordino e lo Sviluppo e il Vademecum per il Riordino delle Autonomie

La Sana e Buona Gestione (lo stato di salute delle Amministrazioni)

Società, Economia e Lavoro (lo stato di salute dei Sistemi Territoriali)

La Gestione per Obiettivi e la Governance Multilivello del processo di Riordino

Torna alla home