Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 15:00 a 18:00

Smart City Med: quali scenari per la Smart City del mediterraneo [ co.22 ]

Cooperazione, cultura e turismo

Quanto ha senso parlare di un modello univoco di Smart City, valido e trasferibile sulla scala globale? Non è forse meglio prendere atto del fatto che esistono alcune variabili storiche, sociologiche, geomorfologiche, politiche e culturali che sono in grado di porre vincoli e condizioni allo sviluppo della città intelligente?

Sette delle quattordici nascenti Città Metropolitane si affacciano sul Mediterraneo. Da ciò l’interesse a conoscere le migliori esperienze in ambito Smart City che condividono la cultura del “mare nostrum”.

Vogliamo allora approfondire il ragionamento su quali modelli deve e può porsi come riferimento la Smart City del Mediterraneo, dando avvio, su questo specifico terreno, ad un percorso di dialogo e cooperazione fra l’Europa e la sponda sud Mediterraneo che alimenteremo anche in vista del prossimo appuntamento di Smart City Med che si terrà a Napoli nel marzo 2015.

 

Programma dei lavori

Modera

Marsh
Intervento di Jesse Marsh
Jesse Marsh Atelier Studio Associato, Palermo Biografia Vedi atti Guarda il video

Jesse Marsh é un americano trapiantato in Italia a seguito della laurea, prima a Milano e dal 1995 a Palermo.

Formatosi in design industriale nello studio milanese di Marco Zanuso, dalla fine degli anni '80 si interessa alle problematiche relative alle tecnologie dell'informazione, partecipando da allora in più di 30 progetti di ricerca e sviluppo finanziati dall'Unione Europea.

Si focalizza prima sulle tecnologie per l'apprendimento e per il telelavoro, per poi allargarsi alle tematiche legate allo sviluppo locale, alle PMI, al commercio elettronico e, più recentemente, al rapporto tra la società dell'informazione e lo sviluppo sostenibile, la diversità culturale e la partecipazione democratica. Negli ultimi anni, é diventato uno dei sostenitori più attivi dell'approccio Living Lab (laboratori di co-progettazione che coniugano l'innovazione tecnologica con quello sociale), attraverso la rete europea ENoLL.

 

Chiudi

Intervengono

Giannakoudaki
Intervento di Ira Giannakoudaki
Ira Giannakoudaki Project Manager & EU Projects Coordinator - City of Athens IT Company (DAEM S.A.) Vedi atti Guarda il video
Bossio
Intervento di Silvia Bossio
Silvia Bossio Asesora en Programas Europeos presso Observatorio de Medio Ambiente Urbano - Malaga Vedi atti Guarda il video
Nina
Esempi di creatività e innovazione a Lisbona

Lisbona si presenta al pubblico di Smart City Exhibition 2014 come un modello di Human Smart City mediterranea, dove le tecnologie sono abilitanti di un sistema che vede nella partecipazione dei cittadini la molla del cambiamento. Manuel Nina, già consulente per l'innovazione per il parlamento portoghese e oggi per Alfamicro, illustra le iniziative di una città che ormai da diverso tempo sta investendo in processi partecipativi per la cittadinanza, perché dichiara: "E' questo il modello culturale delle smart city del mediterraneo. L'obiettivo è quello di una democrazia partecipativa e di un governo aperto". E ci ricorda di come per secoli le città del mediterraneo abbiano detenuto la leadership dell'innovazione.

Lisbona è stata infatti la prima capitale eu ad adottare il participatory budget, che negli anni ha riscosso sempre più consensi: nel 2013 erano 36.000 i voti da parte dei cittadini, oggi - a percorso ancora non concluso - la  partecipazione si è espressa in 20.000 voti. Sono quindi in aumentano i cittadini che dicono alla città cosa vogliono e propongono dei progetti per la risoluzione dei problemi, le amministrazioni devono solo fornire loro le infrastrutture necessarie per farlo.

Manuel Nina has a M.Sc. in Mechanical Engineering from Instituto Superior Técnico of Lisbon, with a specialization in Industrial Production. He was a technical assistant in the European Parliament and at the Portuguese Parliament on matters of energy policy, electric mobility, innovation and web based social networking.

He worked as an energy auditor in the residential and healthcare sectors in Portugal. He is a certified Project Manager Associate by the International Project Management Association and member of its Portuguese Charter, APOGEP.

Since 2011 he has been involved in the project management and/or coordination of several CIP and FP7 Projects funded by the European Commission, such as SMART CAMPUS, TELL ME, STORM CLOUDS and CITY SDK, focusing in the areas of Energy, ICT, Human Smart Cities, Open Data, Cloud Computing and Manufacturing. He is an Innovation Consultant for several Universities and Municipalities.

Chiudi

Delli Noci
Intervento di Alessandro Delli Noci
Alessandro Delli Noci Assessore all'Innovazione Tecnologica, Lavoro e Politiche giovanili - Comune di Lecce Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato nel 1982, Alessandro Delli Noci è Vice Sindaco del Comune di Lecce.

Laureato in Ingegneria gestionale all'Università degli Studi di Lecce e specializzato in programmi di innovazione e ricerca nel settore ICT.

Dal 2012 al 2016 assessore all'innovazione tecnologica, politiche comunitarie, politiche giovanili, politiche per il lavoro e formazione professionale dei Comune di Lecce. Nonchè Coordinatore nazionale del gruppo di lavoro ANCI per l'Agenda digitale

Si è sempre occupato nel settore pubblico e privato politiche per la valorizzazione della creatività giovanile, di progettazione europea, di progetti per l’innovazione tecnologica, digitale e sociale.

 

Chiudi

Risso
Presentazione del Progetto MEDSEATIES Inclusive governance for sustainable Mediterranean coastal metropolis
Alessandra Risso Responsabile Coordinamento Progetti EU Direzione Generale - Comune di Genova Biografia Vedi atti Guarda il video

Dal 2001 é Responsabile dell'Area Progetti Europei per la Direzione Servizi alla Persona del Comune di Genova, curando anche l'ttività di connessione con le reti europee impegnate nel settore (tra cui il Social Welfare Committee di Eurocities).

Dall'anno accademico 2003-2004 é docente di Principi e fondamenti del Servizio Sociale presso il Corso di Laurea in Servizio Sociale della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Genova. Ha collaborato a livello volontario per la ricerca, lo sviluppo e la gestione del Master ASVI in Europrogettazione e Progettazione formativa. Dal 2002 fa parte del Comitato Scientifico di Ricerca e Sviluppo dell'ASVI.

Nata a Genova il 18 maggio 1961, dopo un lungo percorso di studi nel settore umanistico (conseguimento delle lauree in Lettere e in Storia presso l'Università di Genova tra il 1984 ed il 1997), dal 1990 ha orientato la sua formazione nel campo dei servizi sociali (diploma di Assistente Sociale e Master of Social Welfare nel campo delle tossicodipendenze presso la Scuola S.F.S.Cabrini di Fermo (AP); laurea in Servizio Sociale presso l'Università di Trieste), focalizzando il proprio interesse prima sul tema dei sistemi relazionali e della mediazione familiare e sociale (Diploma di Mediatore Familiare Sistemico), successivamente sulla progettazione europea (Master ASVI on line in Europrogettazione e Progettazione formativa).

Viene mantenuta viva, nei limiti delle proprie possibilità, anche la passione per la ricerca, ha al suo attivo molte pubblicazioni.

Since 2001 is Senior officer, responsible for the coordination of the City European Projects for the city of Genoa, following also the activities of connection with European networks involved in that issue (including the Social Welfare Committee of Eurocities).
From the academic year 2003-2004 is Professor of Principles and basis of Social Service Course of the Law Faculty of the University of Genoa. Worked as a volunteer for research, development and management of the ASVI Master in Training design and Project Planning. Since 2002 is a member of the Scientific Committee of research and development of the ASVI.
Born in Genoa on May 18, 1961, after long studies in the Humanities (graduating in Literatures and Philosophy (1984) and History (1997) at the University of Genoa, since 1990 has addressed its training in the field of social services (Social Assistant diploma and Master of Social Welfare in drug addiction at the S.F.S. Cabrini School in Fermo (AP), Bachelor of Social Service from the University of Trieste), by focusing its interest on family and social mediation (Master in Family Mediation), then on European design (ASVI Online Master in Training Design and Project Management).
Has produced several publications and has participated, as speaker at international and national events.

Chiudi

Gini
Intervento di Giuseppe Gini
Giuseppe Gini Assessore Pianificazione urbana e territoriale, Mari e coste, Rapporti funzionali con Autorità - Comune di Palermo Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato a Palermo il 13/04/1947, laureato in architettura, è stato dirigente superiore all’Assessorato Regionale Beni Culturali e Ambientali. Tra i diversi incarichi ricoperti, è stato Soprintendente del Mare; Soprintendente per i Beni Culturali e Ambientali della Provincia di Trapani e della Provincia di Caltanissetta.

Chiudi

Atti di questo intervento

08_co_22_gini_giuseppe.mp3

Chiudi

Sodano
Intervento di Tommaso Sodano
Tommaso Sodano Vice Sindaco - Comune di Napoli e Assessore all'Ambiente, Rifiuti, Sviluppo Sostenibile, Igiene e Sanità, Parchi e Giardini, Mare, Tutela degli animali, Servizi Idrici e Fognature Biografia Vedi atti Guarda il video

Tommaso Sodano nasce il 6/12/1957 a Pomigliano D'Arco (Napoli).
Laureato in Agraria ed esperto di tematiche ambientali e di pianificazione dei sistemi di gestione dei rifiuti.
Dal 1984 al 2008 é stato Responsabile Meridionale dell'HAIFA Chemicals. Dal 1998 al 2008 é stato in aspettativa per ricoprire incarichi istituzionali.
Negli anni dal 1995 al 1999 é stato Assessore alle Attività Produttive, Agricoltura e Turismo della Provincia di Napoli, lavorando assiduamente per promuovere e valorizzare settori strategici per la ripresa economica del territorio.
Dal 1998 al 2001 é stato membro del Comitato delle Regioni a Bruxelles e relatore sui temi della lotta all'emarginazione sociale e della sicurezza alimentare nell'Unione Europea (OGM, BSE, Diossina).
Con il rinnovo della Giunta Provinciale, dal 1999 al 2001 é poi divenuto Assessore allo Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione Professionale e Cooperazione Internazionale, che lo ha portato a rivestire un ruolo fondamentale come rappresentante delle Istituzioni campane presso il governo.
Alle elezioni politiche del 2001 é stato eletto Senatore della Repubblica, occupandosi in modo particolare delle questioni ambientali e divenendo, per questo, riferimento per molte vertenze territoriali. Ha ricoperto il ruolo istituzionale di Senatore della Repubblica sia nella XIV che nella XV Legislatura
Alle elezioni politiche del 2006, infatti, viene confermato Senatore nella circoscrizione Campania ed eletto Presidente della 13^ Commissione permanente Territorio, ambiente, beni ambientali.
Vice-capogruppo del PRC al Senato, si é impegnato in particolar modo sul fronte dell'bolizione dei CIP6, contro la privatizzazione del servizio di erogazione idrica e per la tutela delle aree archeologiche dall'abusivismo e dall'abbandono.
Sua l'iniziativa legislativa su temi scottanti del settore lavoro come quella per garantire un giusto risarcimento alle persone esposte all'amianto o quella volta ad introdurre una seria tutela delle lavoratrici e dei lavoratori sottoposti a molestie morali e psicologiche (mobbing), così come sua la battaglia per varare un Piano per la sicurezza dell'area Vesuviana. Particolarmente importante il lavoro che ha svolto nella Commissione di inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata e in quella sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse, dove é riuscito a portare alla luce le gravi responsabilità nella gestione dell'intero ciclo dei rifiuti in Campania.
Dal 2005 al 2010 ha ricoperto, inoltre, la carica di Consigliere al Comune di Pomigliano d'Arco.
Candidato presidente alla Provincia di Napoli nelle elezioni del 2009 é eletto Consigliere provinciale.
Il 14 giugno 2011 il neoeletto Sindaco di Napoli Luigi de Magistris lo nomina Vice Sindaco ed Assessore all'Ambiente, Rifiuti, Sviluppo Sostenibile, Igiene e Sanità, Parchi e Giardini, Mare, Tutela degli animali, Servizi Idrici e Fognature.
Collabora con Il Fatto Quotidiano ed alla fine del 2010 pubblica "LA PESTE", libro denuncia della connivenza tra politica e camorra nella gestione dei rifiuti, scritto con Nello Trocchia.

Tommaso Sodano was born on 12/06/1957 in Pomigliano D'Arco (Naples).
Degree in Agriculture and an expert in environmental planning and waste management systems.
Since 1984 to 2008 he was Head South Haifa Chemicals.

In the years 1995 to 1999 was Councillor for Industry, Agriculture and Tourism of the Province of Naples, working to promote and enhance strategic sectors for the economic recovery of the area.
Since 1998 to 2001 he was a member of the Committee of the Regions in Brussels - speaker on issues of combating social exclusion and food safety in the European Union (GMOs, BSE, Dioxin).
With the renewal of the Provincial Government, from 1999 to 2001 then became Deputy Mayor for Economic Development, Labour, Professional Training and International Cooperation, which led him to play a key role as a representative of the institutions of Campania with the government.

in 2001 he was elected Senator of the Republic, focusing especially on environmental issues and becoming, this reference for many territorial disputes. He served as Senator of the Republic and in the XIV and XV Legislature
In 2006 after being confirmed in the district of Campania Senator is elected President of the 13th Standing Committee "Territorio, ambiente, beni ambientali".

Deputy leader of the PRC in the Senate, pledged especially on the front of the abolition of CIP6 against the privatization of the water supply and the protection of archaeological sites by unauthorized and neglect.
His legislative initiative on the burning issues of the field work such as to ensure a fair compensation to persons exposed to asbestos or the time to introduce a serious protection of workers and employees subjected to harassment and psychological (mobbing).

Particularly important is the work he has done in the Commission of inquiry into the phenomenon of organized crime and the cycle of waste and illegal activities related to it, where he managed to bring to light the serious responsibilities in managing the entire waste cycle in Campania.
Since 2005 to 2010 he was also the office of the City of Pomigliano d'Arco.
Candidate for President of the Province of Naples in the 2009 elections he was elected Provincial Councilor.

On 14 June 2011, the newly elected Mayor of Naples Luigi de Magistris appointed him Deputy Mayor and Councilor for the Environment - Waste - Hygiene of the city - Protection of animals - Water cicle - Reclamation - Sea - Relations with the Port Authority - Parks and gardens - Coordination and development of urban regeneration and environmental projects - sustainable development - SEAP - Energy - Smart City
At the end of 2010 publishes "La Peste" book denunciation of collusion between politics and mafia in waste management, written with N.Trocchia.

Chiudi

Atti di questo intervento

09_co_22_sodano_tommaso.mp3

Chiudi

Contargyris
Intervento di Thanos Contargyris
Thanos Contargyris Dialogos Nea Media Biografia Vedi atti Guarda il video

Thanos Contargyris è Consigliere Accademico per la Commissione Europea e fondatore dell’azienda Dialogos. Esperto in politiche di sostegno e innovazione per piccole e medie imprese, di industria, occupazione, sviluppo risorse umane ed e-learning, è autore di numerosi articoli e studi nel settore. Sta attualmente lavorando alle Strategie Regionali di Innovazione e Smart Specialization (RIS3) nei paesi del Mediterraneo, attraverso il progetto CreativeMed (www.creativemed.eu). Da anni è coinvolto nel coaching per altri imprenditori di start-up di diversi settori e paesi come Francia, Grecia, Italia e, nella cornice degli start-up week ends, anche in Tunisia. È attivo nella promozione del marketing territoriale di città, regioni e paesi del Mediterraneo e nella valorizzazione delle loro risorse culturali, naturali e umane per innovare, implementare e sviluppare l’export dei servizi legati al turismo.

Dialogos è un gruppo che da più di vent’anni sviluppa strumenti per catalizzare la trasformazione di organizzazioni complesse.

Chiudi

Marrades
Intervento di Ramon Marrades

CreativeMED is one of 13 Capitalisation projects of the ETC (European Territorial Cooperation) MED Programme that focuses on innovation, and thus aims to contribute to on-going Regional Smart Specialisation Strategy (S3) processes. Smart specialization is a process at the end of which regional strategies should identify activities where an investment of resources is most likely to stimulate knowledge-driven, sustainable and inclusive development.

A key hypothesis of CreativeMED is that the MED space has specific needs and potentials as regards innovation, which emerge from a preliminary SWOT analysis and the identification of five key success factors specific to Mediterranean regions: innovation mixes, cultural anchoring, shared values, open networked people and new business models. The CreativeMED Toolkit will provide a methodology useful to help regions draft their development strategies based on assessment of opportunities, needs and available resources at local and regional level. The Toolkit methodology focuses in diagnosis (based on quantitative analysis), self-diagnosis (based on qualitative analysis) and policy mapping (alternatives, best practices and recommendations).

Ramon Marrades Uni Valencia Biografia Vedi atti Guarda il video

I am a 27-year-old urban economist (MSc) and social entrepreneur, part of Econcult (Culture Economics Research Unit, University of Valencia) and core member of URBEGO (the platform for young planning professionals of the International Federation of Housing and Planning). I received an honorable mention in the International Young Planning Professionals Award (2012) and the Spanish Social Entrepreneur Award (2013); I have been a guest lecturer at Universitat de Valencia (Spain) and a guest researcher at PUCESE University (Ecuador). I am also a regular contributor to the media.


My work seeks at the intersection between economics and urban planning. I have four years of international experience (The Netherlands, Spain, Ecuador, Colombia) in research, teaching, advising and consulting in urban development: economic resilience, sustainable transportation, space up-cycling, participatory governance, tourism and events, culture economics, temporary urbanism, smart cities and entrepreneurship.

Chiudi

Molinari
Intervento di Francesco Molinari
Francesco Molinari Politecnico di Milano Biografia Vedi atti Guarda il video

Come consulente indipendente ha lavorato in qualità di Research & Project Manager per svariate organizzazioni pubbliche e private in Italia, Grecia, Slovenia, Cipro, Israele, Belgio e Regno Unito, partecipando (in prevalenza come coordinatore) ad alcune decine di progetti ICT finanziati dalla Commissione europea sui programmi FP7, FP6, FP5, CIP, eTEN, CEE, MED ed eParticipation, nonché a livello nazionale e regionale, incluso il Soggetto responsabile di un Patto territoriale toscano. In Europa, per conto della DG INFSO, Unità F4, della Commissione, ha guidato nel 2008 uno studio per la valutazione dell’approccio Living Labs nello scenario dell’innovazione e del Future Internet. Ha anche partecipato a un precedente studio, finanziato dalla Unità C3 della stessa DG, per analizzare l’impatto della ricerca e sviluppo ICT sui sistemi nazionali e regionali d’innovazione. Nel 2009 ha fatto parte del team di valutatori indipendenti del Programma i2010 della Commissione sul tema della banda larga di nuova generazione e dal 2010 sta coordinando un gruppo di lavoro Stato-Regioni su “Bandi Multistadio e Public Procurement” per conto dell’Agenzia per l’Innovazione nella P.A. e del Ministero dello Sviluppo Economico (DPS).

Chiudi

Atti di questo intervento

co_22_molinari_francesco.pdf

Chiudi

Torna alla home