Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 09:30 a 11:45

Collaborative mapping & tattiche di riuso dello spazio urbano [ lb.03 ]

Nell’ultimo decennio lo sviluppo tecnologico ha totalmente modificato il processo di produzione di mappe come quello di rappresentazione della città. Open Street Map, Ushahidi e Google Map, in modi molto diversi,  hanno aperto alla possibilità di poter costruire e contribuire alla costruzione di mappe. Ne emerge così una pratica sperimentativa attiva nel regno del web: il collaborative mapping,  attività di mappatura volontaria di una moltitudine di neocartografi e neogeografi dello spazio urbano. Nel web si moltiplicano così le esperienze di utilizzo, creazione e condivisione di mappe, mentre l’esplorazione geografica in rete si trasforma nella rappresentazione assidua di territori. 

Le moltissime le esperienze crowdsourcing urbano descrivono una varietà di forme rappresentative  e descrittive dei territori che assumono come centro propulsivo non solo il prodotto,  in continua evoluzione, ma chi lo produce, la folla (crowd) e come (outsourcing), mentre la mappa - per molti strumento passivo di potere o di localizzazione, orientamento e misura - diventa spazio attivo e generativo, prestandosi ad ospitare una varietà di linguaggi (testi, immagini, video, suoni, etc) in continua interazione e rimando reciproco. 

Non si tratta più di leggere la mappa, ma di scriverla aprendo a tutte le dinamiche di attraversamento possibili. La mappa diventa così il risultato di una varietà di competenze e conoscenze, di diversi modi di usare ed esperire lo spazio, di modelli di movimento e attraversamento, così come di diverse e implicite visioni del mondo e potenzialità di trasformarlo: una pratica di costruzione dello spazio urbano in continua e assidua evoluzione.

Attraverso il collaborative mapping le piattaforme digitali rappresentano così lo spazio in cui l’espressione, l’informazione e l’interazione non solo è a disposizione di persone e organizzazioni, ma è da questi collettivamente prodotta. 

Smart City Exhibition 2014, in tale prospettiva, intende far emergere tali pratiche con l’obiettivo di riflettere su:

  • le modalità di civic engagement e alle modalità di partecipazione; 
  • i rapporti con le istituzioni nei processi di rappresentazione e di trasformazione dello spazio; 
  • i contributi che tali esperienze possono apportare nella costruzione di una rinnovata governance urbana.

Le diverse esperienze organizzeranno la loro presentazione attorno a questi tre temi.

Il laboratorio troverà continuità anche nell’ambito del progetto europeo SEiSMiC, che attraverso la costituzione di reti nazionali dell’innovazione sociale in dieci Paesi Europei porterà su scala comunitaria le esperienze di collaborative mapping, alle quali è dedicato nella rete italiana un filone di lavoro specifico.
 

Programma dei lavori

Coordina

Vitellio
Ilaria Vitellio CEO - Mappina _ Mappa alternativa delle Città Biografia

Urban Planner. Si occupa da diversi anni di strumenti di governo del territorio, di politiche urbane e territoriali con particolare attenzione ai temi della costruzione multiattoriale di processi di rigenerazione urbana attraverso la sperimentazione di approcci quali il cultural plannig, community planning 2.0, neogeografia e open data. Ha svolto attività di docenza, consulenza professionale ed è pubblicista di saggi e articoli su riviste nazionali e internazionali. Componente di organi scientifici, collabora alla Biennale dello Spazio Pubblico e a Smart City Exhibition. Ideatore e coordinatore della ricerca Città Open Source che dissemina e ragiona sulle esperienze di innovazione sociale nei rigenerazione dello spazio pubblico attraverso il web 2.0. Ceo di MappiNa - Mappa Alternativa di Napoli, piattaforma di collaborative mapping e crowdsourcing urbano volta a costruire una immagine culturale della città fondandola sull'immaginazione pratica dei suoi abitanti e sulle possibilità di riuso di immobili e spazi abbandonati. 

Chiudi

Esperienze operative

de Filippi
Crowdmapping Mirafiori Sud
Francesca de Filippi Biografia Vedi atti
Francesca De Filippi, architetto, ricercatore, è direttore del Centro di Ricerca e Documentazione in Tecnologia, Architettura e Città nei Paesi in via di sviluppo al Politecnico di Torino. A lato dell’attività di coordinamento di progetti di cooperazione internazionale in ambito di emergenza e sviluppo, da alcuni anni è impegnata nella ricerca e sperimentazione di metodi e strumenti per favorire l’inclusione sociale e la partecipazione delle comunità nei processi di rigenerazione di aree marginali urbane (ICT4D).

Chiudi

Atti di questo intervento

lb_03_de_filippi_francesca.pdf

Chiudi

Ondertoller
Portobeseno
Davide Ondertoller Biografia

Portobeseno.it è un progetto culturale nato nel 2004 che si occupa di archivi multimediali 2.0, progetti artistici e laboratori creativi aventi per oggetto il territorio, il paesaggio e la memoria individuale e collettiva.

I progetti traggono spunto da interviste narrative, ricerche etnografiche, laboratori didattici rivolti alle scuole, da riflessioni sulla memoria orale e sulla conoscenza concreta del territorio, dall’esplorazione dei paesaggi sonori, dalle loro possibili relazioni con il web attraverso lo sviluppo di cartografie virtuali, blog creativi, geoblog, progetti sociali per la Rete.

Tali progetti confluiscono nel festival “Portobeseno, viaggio tra fonti storiche e sorgenti web” che produce spettacoli (dal teatro ai concerti di musica elettroacustica) e installazioni multimediali originali e innovative. Il festival Portobeseno propone inoltre riflessioni sui diritti d’autore, la condivisione creativa e sulla percezione del territorio tra reale e virtuale, dalla scoperta di un sentiero nei boschi alla navigazione virtuale offerta da Internet.

Portobeseno è curato da Davide Ondertoller e Sara Maino.

http://www.portobeseno.it

Chiudi

Ciotola
MappiNa
Pietro Ciotola Vedi atti

Atti di questo intervento

lb_03_ciotola_pietro.pdf

Chiudi

Gunning
L’Aquila 3D - Noi L’aquila - Hello L’Aquila
Barnaby Gunning
Mauro
Confiscati Bene
Andrea Nelson Mauro Dataninja.it Biografia Vedi atti

Fondatore di dataninja.it. Dieci anni nelle redazioni di quotidiani locali in Sicilia e in Emilia-Romagna. Ha collaborato con alcuni dei grandi gruppi editoriali italiani (Sole 24 Ore, Corriere della Sera). È membro della community Spaghetti Open Data e partecipa anche ad attività di civic hacking come twitantonio.it ed Era della Trasparenza. Cura i laboratori di Data Joournalism di Open Ricostruzione.

Chiudi

Atti di questo intervento

lb_03_mauro_andrea_nelson.pdf

Chiudi

Latrofa
Mappatura partecipata a bassa soglia di ingresso: RAVENNA COMMON GROUND

Mappatura partecipata a bassa soglia di ingresso: Ravenna Common Ground

Fabrizio Latrofa Biografia Vedi atti

Architetto. Si occupa di innovazione legata a percorsi di urbanistica partecipata, di pratiche di ricerca inclusive, creative, multidisciplinari e della sperimentazione sul tema delle mappe di comunità.

Esperto in sostenibilità urbana lavora in network con la Knowledge Innovation Community dell'EIT (European Institute of Tecnology & Innovation) con cui ha sviluppato progetti sul tema del cambiamento climatico e del community engagement applicati alle realtà urbane di Ravenna (It) e Valencia (Es) con partnership internazionali.

Nel 2011 fonda gli Artifici Largà - Rovereto (Tn) laboratorio integrato di innovazione sul tema della Città creativa ed intelligente proponendo soluzioni progettuali in ambito urbano.

Nel 2013 vince il primo premio del bando Incredibol! per l'innovazione creativa con il progetto Fab Lab Bologna.

Attualmente collabora con la Municipalità di Ravenna per lo sviluppo della strategia cittadina in ambito Smart City.

artificilarga.org

Chiudi

Atti di questo intervento

lb_03_latrofa_fabrizio.pdf

Chiudi

Torna alla home