Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 14:30 a 18:00

Meno burocrazia e nuove regole per sbloccare l'Italia [ fo.04 ]

in collaborazione con SAIE 2014

Tra le grandi riforme strutturali di cui ha bisogno l’Italia quella legata agli adempimenti burocratici e alla semplificazione dell’apparato regolatorio (regolatory review) è tra quelle più sentite da imprenditori, cittadini e dalle stesse amministrazioni. Per far funzionare bene il sistema pubblico e impostare correttamente la lotta alla corruzione e all’illegalità non c’è bisogno di ulteriori norme, spesso basta rendere operative quelle che già ci sono, eliminando gli adempimenti formali a favore di un potenziamento del sistema di controllo. I principi cui occorre ispirarsi sono pochi, ma essenziali: semplificazione, trasparenza, riduzione dei tempi delle procedure, responsabilità, certezza delle norme e abbandono del ricorso sistematico alle procedure d’urgenza.

Programma dei lavori

Apertura dei lavori

Campagnoli
Duccio Campagnoli Presidente - Bologna Fiere Biografia

Duccio Campagnoli é l'attuale Presidente di BolognaFiere e presidente di Sogecos, società organizzatrice di Cosmoprof, piattaforma internazionale leader mondiale nell'organizzazione di manifestazioni fieristiche dedicate alla cosmesi e al benessere. Già Consigliere di Amministrazione della Società dal 2008 e dal gennaio 2011 Consigliere Delegato, Duccio Campagnoli é inoltre Vice Presidente dell'AEFI - Associazione delle società e degli enti fieristici italiani.

Laureato in filosofia, é stato per tre legislature Assessore allo sviluppo economico e autore delle politiche industriali, telematiche, energetiche e delle politiche fieristiche e per l'export e l'internazionalizzazione delle imprese.

Ha promosso la Legge della Regione Emilia Romagna, prima fra le Regioni italiane, per la trasformazione degli enti fieristici in società per azioni.

Dal 2005 al 2010 é stato coordinatore nazionale per le materie fiere istituendo, assieme al Ministero dello Sviluppo Economico, il tavolo nazionale Governo-Regioni per lo sviluppo del sistema fieristico italiano.

Appassionato di filosofia e di Cina é Vice Presidente della Fondazione Italia Cina, presieduta da Cesare Romiti, e motociclista/Ducatista in servizio.


 

Chiudi

Mochi Sismondi
Intervento di Carlo Mochi Sismondi al convegno "Meno burocrazia e nuove regole per sbloccare l'Italia"
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia Vedi atti Guarda il video

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (21 e 39 anni), sono nonno. All’Università ho scelto Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento in pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out. Ho fatto per dieci anni l'operaio (falegname) e poi mi sono occupato di marketing, di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 30^ edizione. Nella mia ormai trentennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 19 Governi e con 17 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni. Nei miei contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

Atti di questo intervento

fo_04_mochi_sismondi_carlo.mp3

Chiudi

Un'Agenda per semplificare e sbloccare l'Italia

Dugato
Intervento di Marco Dugato

Nel tema del “costruire le città del futuro” l’apparato burocratico è fondamentale: in un sistema dinamico di crescita la città è fatta da una molteplicità di soggetti e la burocrazia dovrebbe consentire alla regia di governarne i processi. Trovandoci nel dedalo problematico degli apparati burocratici dovremmo reclamare quindi non “meno”, ma una “miglior burocrazia”.

Marco Dugato Docente di Diritto Amministrativo - Università di Bologna Biografia Vedi atti Guarda il video

Professore Ordinario di diritto amministrativo nell’Università di Bologna. Titolare della cattedra di Diritto amministrativo presso la Scuola di specializzazione in studi sull’amministrazione pubblica (SPISA) dell’Università di Bologna. Dottore di ricerca in Diritto pubblico.

È membro del comitato di direzione della rivista Munus in materia di appalti e servizi pubblici, nonché componente del comitato scientifico della rivista “Diritto dell’Economia”. Fa parte del collegio dei docenti del Master in “Valutazione di politiche urbane, ambientali e territoriali” del Dipartimento di Pianificazione dell’Università Iuav di Venezia. Dal 2012 collabora con Invitalia nel contesto di board e comitati scientifici di iniziative legate all’efficientamento dei servizi pubblici locali di interesse economico generale a rete.

È componente del Comitato scientifico del Progetto ReOPEN SPL promosso dal Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie e attuato da Invitalia.

Chiudi

Atti di questo intervento

fo_04_dugato_marco.mp3

Chiudi

Nencini
Intervento di Riccardo Nencini

La legge delega per il nuovo codice appalti e servizi si appresta a entrare nel suo iter conclusivo, per essere attuativa nell’autunno 2015, con la prospettiva di asciugarne l’articolazione e renderla più snella e leggibile con certezza, senza effetti di rimbalzo tra regolamenti e norme, stando dentro i criteri comunitari ma permettendone anche degli adattamenti.

Riccardo Nencini Vice Ministro - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Biografia Vedi atti Guarda il video

Riccardo Nencini è storico, scrittore e politico.

E' nato il 19 ottobre 1959 a Barberino di Mugello (FI) ed è padre di tre figli. Ha compiuto studi storici alla facoltà di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze.
Nel febbraio 2004 ha ricevuto la Laurea ad honorem in Lettere dall'Università di Leicester.

E' stato deputato al Parlamento italiano alla XI Legislatura, il primo parlamentare a rinunciare, fino dal 1992, al doppio stipendio.

Eletto al Parlamento Europeo dal 1994 al 1999 è stato vicepresidente del Comitato per le politiche mediterranee, membro del bureau "Esteri" dell'Internazionale Socialista.

Nel luglio 2008 è stato eletto all'unanimità segretario nazionale del Partito Socialista Italiano, nell'assise congressuale a Montecatini Terme. Riconfermato alla segreteria nel Congresso di Perugia (2010) e al Congresso di Venezia (2013).

E' stato insignito, nel 2003, dal Presidente della Repubblica della onorificenza di "Cavaliere di Gran Croce" per l'attività in tema di federalismo regionale.
E' stato Presidente del Consiglio regionale della Toscana nelle legislature dal 2000 al 2010. Dal marzo del 2002 al novembre 2003 è stato coordinatore della Conferenza dei Presidenti dei Consigli regionali e delle Province autonome. Presidente della Conferenza delle assemblee legislative regionali europee (CALRE) dal 2002 al 2004, poi rieletto nell'ottobre2005. E' stato Assessore al Bilancio e alle Riforme istituzionali della Regione Toscana dal 2010 al 2013.

All'attività politica ha affiancato la scrittura di saggi e di romanzi storici: "Corrotti e corruttori nel tempo antico" e " Il trionfo del trasformismo", del romanzo vincitore del Premio Selezione Bancarella Sport "Il giallo e il Rosa", del romanzo storico "La battaglia", di "Morirò in piedi - Oriana Fallaci" e di "L'imperfetto assoluto", finalista nei premi letterari "Acqui storia" e "Scanno". Come ideatore dell'opera "Dizionario della Libertà" gli è stato assegnato il Premio letterario internazionale "Il Molinello" 2007. E' coautore della raccolta letteraria ‘Decameron 2013', a cura di Marco Vichi.
Ha collaborato con l'Istituto Internazionale del Restauro" e con la "Fondazione Spadolini Nuova Antologia - Dipartimento formazione docenti di Storia".

Dal Febbraio 2013 è Senatore della Repubblica della XVII Legislatura, eletto nella Coalizione ‘Italia Bene Comune'. E' Vicepresidente vicario del Gruppo Autonomie-Psi a Palazzo Madama, membro della IV Commissione permanente (Difesa) e della VII Commissione permanente (Istruzione Pubblica, Beni Culturali) e della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea della NATO.

Il 28 Febbraio del 2014 diventa Vice Ministro alle Infrastrutture e Trasporti del Governo Renzi.

Chiudi

Atti di questo intervento

fo_04_nencini_riccardo.mp3

Chiudi

Interventi

Bassanini
Intervento di Franco Bassanini

Ci troviamo in situazione straordinaria ed eccezionale (mai in Italia mai c’è stata una situazione di recessione di 5 anni che esaurisce le possibilità di sopravvivenza) in cui occorre trovare un punto di equilibrio tra riforme e regole con validità permanente, vista la frequenza e l’inopportuinità delle eccezioni. Dobbiamo rimuovere la PA che si definisce come ostacolo e investire sulla PA che vuol essere fattore di crescita e innovazione: in questo il sostegno alla digitalizzazione della PA e l’ingegnerizzazione dei meccanismi con cui si producono servizi e controlli è la prima chiave di svolta.

Franco Bassanini Presidente Cassa Depositi e Prestiti e - della Fondazione ASTRID Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato a Milano nel 1940, ha insegnato nelle Università di Roma, Milano, Firenze, Trento e Sassari. Professore ordinario di Diritto costituzionale e membro del Parlamento italiano dal 1979 al 2006, è stato Presidente della Cassa depositi e prestiti, membro dell'Advisory Board del Segretario generale delle Nazioni Unite per le Ict, e della Commission pour la libération de la croissance française (Commissione Attali). È presidente di Astrid, che ha fondato insieme a Giuliano Amato. Dal 2001 al 2005 ha fatto parte del Cda dell'Ena e dal 2004 al 2006 del Comité d'évaluation des stratégies ministérielles de réforme istituito dal Primo ministro francese. Dal 1996 al 1998, è stato Ministro per la Funzione Pubblica, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel governo D'Alema quindi ancora Ministro per la Funzione Pubblica dal 1999 al 2001. In questa veste ha avviato un complessivo programma di riforma del sistema amministrativo italiano noto come Riforma Bassanini.

Chiudi

Cucinella
Intervento di Mario Cucinella

Il Regolamento Edilizio Unico è una battaglia che l’Ordine Nazionale degli architetti sta combattendo da tempo, una semplificazione necessaria per avere una base di lavoro omogenea pur nella specificità dei territori. La città del futuro l’abbiamo già costruita, ma ha bisogno di molte cure con un sistema di regole non allineato con questo bisogno. Vanno aiutati i meccanismi di omogeneizzazione in un Paese in cui la proprietà è “polverizzata” e il tema del rinnovamento energetico è una possibilità di intervento creativo, ma più che di “strumenti” dovremmo parlare di “che cosa fare”.

Mario Cucinella Architetto Biografia Vedi atti Guarda il video

Mario Cucinella è il fondatore di Mario Cucinella Architects.

Nato in Italia nel 1960, si laurea a Genova con Giancarlo De Carlo nel 1986.

Dal 1987 al 1992 lavora nello studio di Renzo Piano a Genova e a Parigi, come responsabile di progetto.

Fonda Mario Cucinella Architects (MCA) a Parigi nel 1992 e a Bologna nel 1999.

Dal 1998 al 2006 è professore a contratto del Laboratorio di Tecnologia dell'Architettura della Facoltà di Architettura di Ferrara e dal 2004 è Honorary Professor presso la Università di Nottingham, Inghilterra. Nel 2013 è Guest Professor in Emerging Technologies presso la Technische Universitat di Monaco di Baviera e nel 2014 è Professore a Contratto presso la Facoltà di Architettura Federico II di Napoli. Tiene regolarmente conferenze in Italia e all'estero. 

E' attualmente Direttore del comitato scientifico di PLEA (Passive and Low Energy Architecture). Collabora, in qualità di tutor, con Renzo Piano al progetto G124  per il recupero delle periferie in Italia. Nel 2012, fonda Building Green Futures, un’organizzazione no-profit il cui obiettivo è quello di fondere cultura ambientale e tecnologia per ricreare un’architettura che garantisca dignità, qualità e performance nel rispetto dell’ambiente.

Mario Cucinella è particolarmente interessato ai temi legati alla progettazione ambientale e alla sostenibilità in architettura. Si dedica alla ricerca e allo sviluppo di prodotti di design industriale.

Tra le sue realizzazioni più significative: il Sino Italian Ecological Building (SIEEB) a Pechino, la nuova sede del Comune di Bologna, il Centre for Sustainable Energy Technologies (CSET) di Ningbo, la  sede della società 3M a Milano, il progetto per l’Agenzia Regionale per l’Ambiente (ARPA) a Ferrara e la Kuwait School, a Gaza, sviluppata in partnership con UNRWA (l'agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso ai rifugiati e profughi palestinesi e del Medio Oriente).

 

Chiudi

Atti di questo intervento

fo_04_cucinella_mario.mp3

Chiudi

Catania
Intervento di Elio Catania

Il ruolo delle tecnologie nell’innovazione urbana: a che punto è l’Italia a livello di micro-imprese e di grandi gruppi? Dove arriva l’innovazione digitale e dove comincia il ruolo della PA? Partendo dal fatto che in Italia non è stato abbracciato, come è stato fatto in altri paesi, il fattore di innovazione competitiva nel mercato delle nuove tecnologie. Uno sguardo sugli investimenti fatti e il percorso che ci attende.

Elio Catania Presidente - Confindustria Digitale Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato a Catania il 5 giugno del 1946, laureato in Ingegneria elettrotecnica presso l'Università La Sapienza di Roma. Master's degree of Management science presso la Sloan School of Management del MIT di Boston. 

E' stato, Presidente e Amministratore di IBM, Membro del Board mondiale della IBM, nel 2004 eletto Presidente e Amministratore delle Ferrovie dello Stato, nel 2007 Presidente e Amministratore di ATM Milano. Nel maggio 2002 è entrato a far parte del consiglio direttivo di Confindustria. Dal febbraio 2003 è vice presidente di Assolombarda.  E' stato Presidente di Assinform, l'associazione aderente a Confindustria che raggruppa le principali imprese di Information Technology (IT) operanti in Italia. Ad aprile 2014 è stato eletto Presidente di Confindustria Digitale.

Chiudi

Atti di questo intervento

fo_04_catania_elio.mp3

Chiudi

Zambrano
Intervento di Armando Zambrano

La semplificazione e la sburocratizzazione sono temi centrali in Italia che abbiamo sempre riproposto nei nostri circuiti e che regolarmente compaiono nei programmi elettorali, ma ben pochi risultati concreti sono emersi in questi anni. Molte indicazioni sono state inserite nel Decreto Sblocca Italia, considerando però delle condizioni di contorno che rimangono ancora a schemi del passato.

Armando Zambrano Presidente - Consiglio nazionale Ingegneri Biografia Vedi atti Guarda il video

Si laurea con lode in ingegneria civile edile presso l’Università Federico II di Napoli nel 1976. Iscritto all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Salerno dal 1977. Libero professionista, svolge la professione nel campo della progettazione, direzione lavori, collaudi e sicurezza di opere pubbliche e private, e nel campo dell’urbanistica.

Consigliere dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Salerno dal 1977. Consigliere segretario dal 1979 al 1998. Presidente dal 2005. Consigliere delegato alla verifica delle parcelle professionali dal 1977 al 2005. Direttore Responsabile del giornale “Ingegneri” dal 2005 e componente del Comitato di redazione dal 1985. Presidente della Fondazione dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Salerno dal 2009. Consigliere della Federazione Regionale degli Ordini degli Ingegneri della Regione Campania dal 1978 e presidente dal 2010. Delegato “Inarcassa” per la Provincia di Salerno dal 1984 al 2000. Segretario della Commissione per il parere obbligatorio sulla congruità degli investimenti immobiliari dal 1990 al 1995. Componente della Assemblea Nazionale dei Presidenti degli Ordini degli Ingegneri dalla sua istituzione. Componente di numerosi altri gruppi di lavoro.

Attualmente è il Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI).

Chiudi

Cattolico
Intervento di Paolo Cattolico

Girando l’Europa incontro molti progetti che coinvolgono le tecnologie nel settore pubblico e ho l’impressione che l’Italia non sia affatto indietro. Ovviamente ci sono paesi più virtuosi, con processi decisionali più semplici. Quello che vediamo in Italia sono molti progetti partiti bene ma senza “prendere il volo”. Un progetto che HP ha proposto qui in Italia riguarda la giustizia digitale.

Paolo Cattolico HP EMEA Strategic Marketing Manager Biografia Vedi atti Guarda il video

Paolo Cattolico e' responsabile marketing per clienti strategici in HP Europa.

Paolo lavora nel mondo dell’IT da oltre 20 anni, ed ha ricoperto vari ruoli manageriali per conto di aziende quali NCR, Digital, Microsoft e HP.

Nella sua attuale missione, visto il crescente interesse economico attorno al tema "intelligent city", Paolo si e' focalizzato sul fenomeno, in particolare sulle sue implicazioni per Information Management e “Big Data”.

Paolo vive e lavora in Francia, nel parco tecnologico di Sophia Antipolis (Cannes).

Chiudi

Atti di questo intervento

fo_04_cattolico_paolo.mp3

Chiudi

Ricci
Intervento di Matteo Ricci

I comuni sono la parte terminale dello Stato, quindi con la maggiore possibilità di interfacciarsi con il privato: fare l’amministratore oggi è molto diverso rispetto al passato perché il buon amministratore non è più “quello bravo ad ordinare lo sviluppo” in una logica sana ed entro una strategia. Oggi significa diventare “stimolatori dello sviluppo”, che in relazione alle logiche urbanistiche ha un bisogno prioritario: la velocità nell’attuazione normativa.

Matteo Ricci Sindaco di Pesaro Biografia Vedi atti Guarda il video

Laureato in Scienze Politiche, dal 2014 è sindaco di Pesaro, dove è stato eletto al primo turno con oltre il 60 per cento di preferenze. Attualmente è anche vicepresidente dell’Associazione nazionale dei Comuni Italiani con delega alle riforme e vicepresidente nazionale del Partito Democratico. E' membro della segreteria nazionale Pd come responsabile Enti Locali. E’ stato presidente della Provincia di Pesaro e Urbino dal 2009 al 2014. Ha pubblicato il libro ‘L’Italia alla ricerca della felicità’.

Chiudi

Coordina

Arona
Intervento di Alessandro Arona

La semplificazione per sbloccare l’Italia su 3 fronti: edilizia e urbanistica, trasparenza degli appalti pubblici, il ruolo della tecnologia per il miglioramento delle funzioni urbane.

Alessandro Arona Giornalista - Il Sole 24Ore Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato a Novi Ligure (Alessandria) nel 1968, laureato con lode alla Statale di Milano in Scienze Politiche. Diplomato nel 1996 alla scuola di giornalismo di Urbino, giornalista professionista dal 1997, entra nel 1996 al Sole 24 Ore, dove è nel gruppo che ha avviato il settimanale “Edilizia e Territorio”, insieme a Giorgio Santilli, Valeria Uva e Bianca Lucia Mazzei. Specializzatosi nell’informazione su infrastrutture, urbanistica, edilizia privata, project financing, è da anni una delle firme di punta del Sole 24 Ore su questi argomenti.

Chiudi

Torna alla home